Rosaspina – La bella addormentata – Grimm

Il motivo centrale di Rosaspina risale a un’epoca molto antica, ebbe una grande diffusione e le differenti versioni conosciute contengono poche varianti. È stupefacente constatare come una fiaba possa sopravvivere molti secoli pressoché invariata. Ciò si spiega meglio col fatto ch’essa riflette una struttura psicologica umana basilare e quindi universale. Anche se una fiaba emigra e in una certa misura si adatta al paese nel quale si radica, il motivo fondamentale resta intatto perché esprime un processo comune a tutti gli esseri umani. Temi come quello della ricerca e della liberazione della principessa, o come quello di una figura femminile che scompare o muore per rinascere e riapparire, si trovano nei miti e nelle fiabe, nelle leggende e in un gran numero di sogni individuali.

Raccontata da Filippo Carrozzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *